Best Available Rate (BAR), also known as Best Rate Guarantee assures our guests que quoted are the lowest available rate for each night.

Hotel Avenida PalaceHotel Avenida Palace

Chiese

Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami (São José dos Carpinteiros)
Nata come piccolo eremo nel 1545, è nominata parrocchia nel 1567. A metà del Seicento vengono realizzati lavori di ingrandimento del tempio cinquecentesco, come desumibile da un’iscrizione posta nella navata della chiesa. Ricostruita dopo il terremoto del 1755, seguendo le istruzioni del capocantiere Caetano Tomás, esibisce un’architettura barocca e pombalina. Spicca il portico principale, rettangolare, con portale curvilineo, elaborato attorno ad un medaglione riportante al suo centro un bassorilievo raffigurante San Giuseppe.

Chiesa di San Rocco (São Roque)
Costruita nel XVI secolo, è dedicata a San Rocco, protettore dei malati di peste, dal 24 marzo1506. Venne consacrata il 25 febbraio 1515 dal vescovo D. Duarte. Nel 1553, la Compagnia di Gesù prende possesso del tempio il quale subisce diverse modifiche da parte degli architetti Afonso e Baltazar Álvares e Filippo Terzi. Dichiarato Monumento Nazionale, presenta una tipica architettura religiosa manierista e costituisce un vero e proprio prototipo di chiesa gesuita portoghese: chiesa a navata unica con cappelle laterali comunicanti fra loro e soffitto rivestito in legno. L’attuale austera facciata neoclassica riveste la pietra totalmente ed è il risultato di un restauro realizzato dopo il terremoto del 1755.

Chiesa della Madonna dell’Incarnazione (Nossa Senhora da Encarnação)
Chiesa parrocchiale inaugurata nel 1708 e totalmente distrutta dal terremoto del 1755. La ricostruzione, opera dell’architetto Manuel Caetano de Sousa, iniziò già nel XVIII secolo, ma si protrasse fino al 1873. La facciata tardo barocca è caratterizzata da sei pilastri che accentuano la verticalità dell’edificio e ne suddividono la campata centrale. Il portico, costituito da colonne di stile corinzio, accoglie un bassorilievo appartenente alla chiesa precedente. Sulle entrate laterali, due nicchie contengono piccole statue seicentesche. L’insieme è coronato da un timpano triangolare di metà Ottocento. L’interno è costituito da una navata unica, senza transetto, una cappella maggiore profonda e volte a botte. Quattro cappelle poco profonde fiancheggiano la navata.

Chiesa dei Martiri (dos Mártires)
Terminata nel 1784, è la più antica della zona della Baixa lisboneta. Di stile neobarocco, progettata dall’architetto Reinaldo Manuel dos Santos, possiede opere d’arte pittoriche e scultoree. Spiccano la cappella battesimale chiusa da una porta di ferro che presenta un’iscrizione del 1147 relativa al primo battesimo svoltosi qui e la Cappella del Santissimo Sacramento, rivestita da marmi rossi e blu con l’immagine di San Giuseppe.

Chiesa della Madonna di Loreto (Nossa Senhora do Loreto)
Ricostruita nel 1785 dagli architetti Manuel Caetano e José da Costa e Silva, gli ultimi lavori risalgono al 1860. Vanta opere d’arte di grande valore, italiane e portoghesi, appartenenti alla comunità italiana di Lisbona.
Chiesa del Santissimo Sacramento (Santíssimo Sacramento)
Costruita nel 1702 in stile barocco a navata unica con grande abbondanza di marmi di tutti i tipi. Oltre all’altare maggiore dove si trova il tabernacolo, possiede otto altari laterali in pietra. Due di questi si trovano vicini all’arcata della cappella maggiore e gli altri lungo la navata. Essi sono delimitati da balaustre di legno di pregiata fattura. Uniti al magnifico affresco della cappella maggiore compongono un insieme di grande bellezza.

Chiesa della Maddalena (da Madalena)
Costruita nel 1761 in stile tardo barocco con spiccate influenze neoclassiche. Vanta un insieme di opere d’arte scultoriche o scultoree? e pittoriche di grande pregio: due inestimabili sculture, Santa Maria Maddalena e Santa Marta, di Machado de Castro (1730 - 1822), un Crocefisso e una Sacra Famiglia di José de Almeida (1730 - 1822) e dipinti di Pedro Alexandrino (1730 - 1810), sui soffitti e sulle pale delle cappelle. Degne di particolare nota, sono soprattutto la Pentecoste sull’altare maggiore e l’Ultima Cena nella cappella del Santissimo Sacramento. Annovera un portico in stile manuelino, dichiarato Monumento Nazionale, che resistette al terremoto del 1755.

Chiesa di Sant’Antonio (Santo António)
Chiesa neoclassica con reminiscenze decorative in stile rocaille, essa fu progettata dall’architetto Mateus Vicente de Oliveira e fu terminata nel 1812. Spiccano particolarmente i dipinti di Petro Alexandrino e, sull’altare maggiore, la scultura lignea di Sant’Antonio, realizzata con la pregevole tecnica dell’estofado, salvata dall’incendio succeduto al terremoto del 1755. La cripta della chiesa è considerata il luogo dove nacque il santo patrono della città di Lisbona.

Cattedrale (Sé Catedral)
Sono evidenti i segni dei vari lavori di costruzione e ricostruzione: presenta caratteristiche del tardo romanico (facciata) e del gotico (le cappelle, una di esse con pavimento a mattonelle del XIII secolo, la navata centrale, l’ambulacro e il chiostro). La cappella maggiore, la sacrestia, la sala del tesoro e la cappella del Santissimo Sacramento, presentano caratteristiche di epoca manierista, barocca e dello stile cosiddetto pombalino.


Chiesa della Madonna della Concezione Vecchia (Nossa Senhora da Conceição Velha)
La chiesa della Madonna della Concezione Vecchia è una ricostruzione dell’antica chiesa manuelina della Madonna della Misericordia, distrutta dal terremoto del 1755. La facciata a sud, con portico in stile manuelino, alcune effigi e la cappella maggiore sono sopravvissute all’incendio. Nel centro del timpano del portico d’entrata, è presente un rilievo della Madonna della Misericordia. Fra le immagini spicca quella della Madonna di Restelo o del Parto, donata dal principe Enrico il Navigatore nel 1460.hiesa della Madonna della Vittoria (Nossa Senhora da Vitória)
Costruita dalla confraternita dei calderai della Madonna della Vittoria, venne inaugurata nel 1556. Fu quasi completamente distrutta dal terremoto del 1755 e venne ricostruita lentamente fra il 1765 e il 1824 e riaperta al culto quello stesso anno. Subì importanti lavori di restauro nel 1940. Si tratta di una chiesa a pianta longitudinale, a navata unica, la cui facciata principale, orientata a sud, è a campata unica, delimitata lateralmente da angoli in pietra e preceduta da un portico con modanature in pietra e coronato da un attico decorato con elementi geometrici e vegetali e con una finestra con grata.

Chiesa di San Nicola (São Nicolau)
Chiesa in stile tardo barocco e neoclassico progettata dall’architetto Reinaldo Manuel dos Santos ed eretta nel 1780. Di particolare spicco è la cappella battesimale con pareti rivestite da reliquiari di grande pregio.

Chiesa di San Domenico (São Domingos)
Chiesa dell’ordine domenicano, fondata nel XIII secolo, subì diversi restauri, l’ultimo di essi nel 1748, data in cui Frederico Ludovice ricostruì la cappella maggiore, unica zona del tempio che sopravvisse al terremoto del 1755. Ricostruita da Manuel Caetano de Sousa, sfruttando il portico e il balcone sporgente del palazzo della Ribeira (Paço da Ribeira), il suo interno fu nuovamente distrutto nel 1954. In seguito venne recuperato e venne riaperto al culto.
d a special day!

VeriSign Secured, McAfee Secure, W3C CSS compliant
GuestCentric - Hotel website & booking technology

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e offrirti il ​​miglior servizio possibile. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro utilizzo.

Vedi di più
Ok